Villa Draghi: la vera storia di una finta inaugurazione | Circolo Pertini

Villa Draghi: la vera storia di una finta inaugurazione

Cosa è successo a Villa Draghi in dieci anni di Amministrazione Claudio & Bordin? Per i primi 3 anni non è successo proprio niente.

Il progetto di restauro della Villa fatto dall’amministrazione precedente è restato nei cassetti dell’ufficio tecnico a fare polvere.

Soltanto nel 2004 qualcosa si muove e i primi di luglio spunta un albergatore di Abano Terme insieme ad un noto architetto propongono un  Programma Integrato di Riqualificazione Urbanistica Edilizia e Ambientale (P.I.R.U.E.A.) denominato “Zeus”.

Si propone il cambio di destinazione d’uso da alberghiero – termale a residenziale con la possibilità di costruire al posto degli esistenti 35.000 m³ circa 72.000 m³.

Sono 10 condomini da 4 piani per un totale di circa 600 nuovi abitanti.
Un affare immobiliare per oltre dieci milioni (10.000.000) di euro.

In cambio di questa speculazione edilizia si propone di “restaurare” Villa Draghi ma solo fino a 2.200.000 euro e se non bastano il resto va a carico del Comune.

Nel 2006, guarda caso poco prima delle elezioni, spunta un’impalcatura che resta installata per oltre un anno senza che nessuno inizi a lavorare (chi l’avrà pagata?).

I lavori cominciano il 27 Agosto del 2007 e il Sindaco dichiara che “Il completo restauro della Villa si completerà nell’arco di circa due anni e quindi per la fine del 2009“.

Intanto il primo condominio viene costruito e gli appartamenti messi in vendita.

Il 3 Aprile del 2011, (ma non doveva essere finita nel 2009?) Claudio & Bordin fanno l’ennesima finta “inaugurazione” con l’apertura straordinaria della Villa. I lavori non sono completati.

Mancano i soldi per le terrazze e le recinzioni e quindi sono ben lontani dall’aver terminato dei lavori che adesso saranno a carico del Comune e quindi dei cittadini.

Come non bastasse piove dentro e c’è bisogno di impermeabilizzare la Villa. I lavori (come si evince dalle fotografie) finiti sei mesi fa presentano segni già evidenti di degrado e richiedono nuovi interventi di recupero.

Ma chi era il direttore che doveva controllare che i lavori venissero fatti bene?

Era compito dell’Azienda? Dei tecnici del Comune? E adesso chi paga?

Non hanno fatto un progetto per l’uso dell’intero complesso. Non hanno previsto cosa fare del Parco di 32 ettari, vero patrimonio del complesso.

Quando si potrà finalmente usare la Villa? Per fare cosa? Nessuno lo sa!

QUESTO E’ IL PRIMO PALAZZO. NE DEVONO COSTRUIRE ALTRI 9
CASE INVENDUTE, E’ QUESTO LO SVILUPPO BORDIN E CLAUDIO VOGLIONO???

Il primo palazzo in Corso Terme

Costruiscono case e quartieri senza identità, vecchie ancora prima di essere costruite. Tutto il mondo si sta muovendo per costruire case ecologiche e che comportino meno spese di riscaldamento di inverno e più fresche d’estate. Invece a Montegrotto Luca e Bordin pensano di costruire grattacieli magari cambiando destinazione d’uso degli alberghi.
Tutto il mondo ha investito e sta investendo sul termalismo e turismo di qualità e noi che siamo il più grande bacino termale del mondo anziché pensare ad un grande progetto di riqualificazione e di rilancio dovremmo distruggere l’unica ricchezza vera che abbiamo.

BASTA CASE PICCOLE E COSTOSE!

Si costruiscono case e poi ancora case peraltro piccole e costose. Nessuna casa in affitto. Ma per chi le costruiscono queste case?

Non per i giovani che non possono permetterselo e devono andare via da Montegrotto. Trecentomila euro per una casa di 100 m2.
Per costruire il nostro futuro bisogna investire sull’ambiente, le energie rinnovabili(fotovoltaico) sul teleriscaldamento. Lavoro qualificato e riduzione dei costi a carico delle famiglie.
E’ ORA DI VOLTARE PAGINA!

SOCIETA’ E PROPRIETA’ IMMOBILIARI
Visura Camerale del 29/11/2010:

il 13/01/2009 si costituisce la società SOLUZIONI ASSICURATIVE s.r.l. con attività prevalente “Compravendita di beni immobili”. Socio per il 60% Luca Claudio con quota sottoposta a sequestro giudiziario.

Visura Catastale del 29/11/2010:
il 30 Luglio 2009 la SOLUZIONI ASSICURATIVE s.r.l. acquisisce degli immobili nel complesso ZEUS (un appartamento poi trasformato in ufficio con 5 vani e un garage). La società cedente è la Immobiliare Zeus Srl.

1 Commento su Villa Draghi: la vera storia di una finta inaugurazione

  1. Marina Lecis // 5 agosto 2012 a 05:14 //

    Sono una cittadina aponense molto preoccupata, la lettura del vostro articolo (illuminante) ha mosso nuovi dubbi ma anche certezze, quindi vorrei sapere a questo punto il nome dell’albergatore e dell’architetto coinvolti in questo singolare procedimento che dura da diversi anni e che sembra on abbia portato nulla di buono ai cittadini delle terme, illusi dalle promesse del binomio Claudio-Bordin!
    Grazie e complimenti ho letto con attenzione il vostro Dossier!

Scrivi un commento

Facebook Like Button for Dummies